Site Kit

C’è un plugin da consigliare, sviluppato da Google, sempre se si tiene presente che tutte le volte che si installa un plugin per semplificarci la vita sul nostro sito si sta mettendo un pezzetto del proprio flusso di lavoro nelle mani di terzi.

___STEADY_PAYWALL___

Si tratta di Kit Google

Fai attenzione alla versione di WordPress che hai: al momento di andare in produzione con questo pezzo (gennaio 2020), vecchie versioni di WordPress oppure altri plugin possono dare alcuni problemi. Del resto, Google ha ufficializzato la disponibilità di questo plugin per tutti i siti che girano su WordPress solamente a ottobre 2019.

Fatti il backup del sito, per ogni evenienza, tanto per cominciare.

Poi, nel caso il sito non dovesse aprirsi, ricordati che è sufficiente avere accesso al tuo spazio web, entrare nella cartella wp-admin —> content —> plugins e cancellare tutta la cartella che si chiama google-site-kit, cioè quella corrispondente al plugin di Google. Se hai dubbi, fatti aiutare da qualcuno che sa dove metter le mani!

L’installazione del plugin su WordPress è una procedura abbastanza standard. Ad ogni buon conto, una volta all’interno del pannello di controllo di WordPress si va su plugin —> aggiungi nuovo e si cerca il plugin all’interno del motore di ricerca di WordPress stesso, seguendo poi la procedura guidata molto intuitiva.

Site Kit ti consente di collegare il tuo backend in WordPress con:

– Google Analytics